25
Sab, Nov
5 New Articles

CLINTON, TRUMP, SOROS

Commenti
Typography

Avete dato un’occhiata al sito del New York Times di oggi (23 gennaio 2017)? È apparso un articolo di Asra Nomani, che ci dà una notizia, sconcertante solo per le anime candide: Soros, il pescecane, è uno dei finanziatori della "Marcia delle Donne" di Washington, quella contro Trump, ovviamente.

Tutti dicevano: si tratta di una manifestazione spontanea, ma poteva crederci soltanto qualche chierichetto d’altri tempi. Ora si son viste tutte le sigle coinvolte e Soros è risultato finanziatore di oltre cinquanta d’esse. Come dire: a pensar male, s’azzecca sempre.

È difficile che dietro ogni iniziativa contro il Presidente democraticamente eletto non ci sia sempre lui, che ormai è il simbolo della finanza che affama i popoli, pur di perseguire i propri fini.

È interessante, però, vedere quali siano almeno alcune delle organizzazioni in questione.

La più nota è Planned Parenthood, organizzazione abortista, che, va da sé, tollera come fumo negli occhi la politica di Trump in difesa della vita. Nella Marcia è stato coinvolto poi il movimento, tutt’altro che indipendente, di MoveOn.org (è, infatti, un deciso sostenitore della Clinton).

Asra Nomani passa poi al campo musulmano. Tra gli organizzatori si son visti il Council on American-Islamic Relations, che ha fatto molto parlare di sé per essere difensore di una politica in cui le donne non possono pregare in pubblico senza i tradizionali segni di castità e sottomissione (ma quella contro Trump non era una manifestazione per difendere le donne dal machismo trumpiano? Che strana difesa!).

Potrei continuare, citando altri nomi e sigle ampiamente compromessi con interessi e posizioni pubbliche contestabili, ma credo che quanto ho riferito chiarisca a sufficienza la natura di quella che non è una "Marcia delle Donne", bensì, come ha scritto la stessa Nomani, solo una "Marcia delle donne che si oppongono a Trump".

Potete leggere l'intero articolo, cliccando qui (in inglese) o qui (in italiano con google traslate).

(Fonte: New York Times)

By Fernando Di Mieri, Copyright DeUniverso © 2017.