24
Dom, Set
1 New Articles

ANGUS DEATON PARLA DELLA DISEGUAGLIANZA

Commenti
Typography

L‘economista scozzese Angus Deaton è stato insignito del Nobel per l’economia. Professore emerito a Cambridge, Deaton insegna a Princeton e si è occupato molto di sviluppo, salute, povertà. Nel testo che traduciamo in parte dal sito della London School of Economics, il professore parla del suo ultimo libro The Great Escape: Health, Wealth, and the Origins of Inequality.

Ma il lato oscuro (della diseguaglianza) è il problema che si crea quando ce n’è troppa e c’è un gruppo di persone molto, molto ricche. Talmente ricche che difficilmente hanno bisogno di governo. Non hanno bisogno della formazione dei governi, non hanno bisogno di assistenza sanitaria pubblica, possono non aver bisogno di polizia o tribunali perché possono comprare avvocati e poliziotti o qualsiasi altra cosa […].

Il potere del lobbying è diventato molto importante negli Stati Uniti e non si tratta solo del comprarsi la politica, quello è qualcosa che si può fare ovunque. […]. In realtà il vero problema dal punto di vista di un economista è il motivo per cui non c’è più? Poiché le ricompense per attività di lobbying può essere colossali e il costo di lobbying è infinitamente minore dei vantaggi che porta allora perché non ce n’è molta di più? […] Se i ricchi possono scrivere le regole allora abbiamo un problema vero.

Un paio di miei colleghi hanno studiato le tendenze dei voti nel Congresso degli Stati Uniti incrociandole con le preferenze degli elettori di quei membri del Congresso. Bene, i voti degli eletti sono allineati con le preferenze dei loro elettori ricchi e raramente con quelle degli elettori più poveri. Stiamo quindi osservando a una trasformazione della democrazia in plutocrazia e questo è qualcosa di cui preoccuparsi. D’altra parte non credo che la partite sia finita […] le ultime elezioni presidenziali negli Stati Uniti sono una vittoria della democrazia sulla plutocrazia.

L’1% per cento della popolazione accumula una quota sempre maggiore della ricchezza delle società – dove stiamo andando? Sei pessimista o ottimista?

Il futuro è enormemente difficile da prevedere, come sapete! Penso che i pericoli siano seri, alcuni giorni sono pessimista e altri giorni sembra che ci siano forze capaci di frenare questa tendenza […]. Una cosa che non abbiamo detto è che il rallentamento della crescita economica negli Stati Uniti e in altri paesi ricchi rende tutto più pericoloso, perché se la torta si allarga si può distribuirne a più persone senza colpire nessuno. Ma quando le torte non cresce, l’unico modo che so per ottenere qualcosa è quello di togliere a qualcuno.

(Fonte: AltaTerradiLavoro).

By Left Redazione, copyright Left © 2016.