24
Dom, Set
1 New Articles

“DI LUNEDÌ ALLO STUDIO VARRONI”, IN SCENA GIOVANNI FONTANA CON LA SUA “VOCE IN MOVIMENTO”

commenti
Typography

Interessante incontro d’arte e conseguente dibattito sui temi della vocalità e delle scritture intermediali che seguono la mostra documentaria dell’autore/performer ciociaro.

Lunedì prossimo, 5 giugno 2017, dalle ore 18,30 presso lo Studio Varroni in via Saturnia 55, int. 2 a Roma, si terrà un interessante pomeriggio d’arte con protagonista un artista intermediale, esperto performer di poesia sonora e vocale, Giovanni Fontana, che i nostri lettori hanno già avuto modo di conoscere in altri contenuti proposti da De Universo precedentemente.

“La voce in movimento” è il titolo della performance che si terrà nella Capitale che vedrà il poeta ciociaro impegnato in alcune letture di propri testi anche se, a dire il vero, è molto riduttivo definirle semplici letture dal momento che Fontana utilizza la propria voce come un vero e proprio strumento capace di modularsi a seconda della volontà dell’artista, del contesto, della tipologia di testo interpretata. Questo aspetto, tra l’altro, non limitato solo alla voce ma anche al corpo e alla scenografia, è centrale nella poesia da lui teorizzata e praticata, la Poesia Pre-testuale, nella quale il testo è uno spartito, una base da cui partire per la performance che, di volta in volta, a seconda del contesto, del momento e della condizione soggettiva dell’attore-performer, varia e si adegua, sfociando in forme spesso imprevedibili e mai uguali a se stesse.

Questo incontro si articolerà, oltre alla performance di cui sopra, anche in un dibattito o, più propriamente, una conversazione sul tema “vocalità, scritture e strutture intermediali” con esperti e pubblico presente, senza distinzione. Ricordiamo che questo incontro segue la mostra tenutasi proprio presso lo Studio Varroni / Eos Libri d’Artista dal 02/03/2017 al 14/04/2017 (poi protrattasi per altre settimane), inaugurata con un interessante e popolato vernissage il 2 marzo scorso. In quell’occasione Giovanni Fontana, uno dei massimi rappresentanti, nazionali e internazionali, della poesia visiva e sonora, aveva recitato un brano dal suo romanzo sonoro “Tarocco Meccanico” del 1990, scelto perché l’opera si colloca al centro della sua lunga carriera artistica che va dagli anni Sessanta ad oggi. In quella mostra antologica l’autore ha presentato il suo multiforme lavoro di ricerca, nelle diverse modalità di sperimentazione che lo contraddistinguono con documenti di ogni tipologia, libri d’artista e opere su carta, libri di poesia, narrativa, saggi e riviste, cd, ritagli di giornali, collages, una “massa” ordinata di documenti che testimoniano parte della sua produzione editoriale, oltre ad alcune delle numerose performance.

By Andrea Tagliaferri, Copyright DeUniverso  © 2017.

 

Approfondimento:
Il video dell'inaugurazione con la performace di Giovanni Fontana presso lo Studio Varroni - Eos Libri d'Artista, "one more jump" a Roma, 2 marzo-14 aprile 2017.