15
Dom, Set
0 New Articles

Ricorderete lo spettacolo teatrale "Fa'afafine - Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", quello in cui il protagonista si percepisce maschio in certi giorni e femmina in altri. Insomma, uno spettacolo fatto apposta per diffondere i temi più cari ai sostenitori della cosiddetta educazione "gender".

Vi segnaliamo un articolo apparso su OasisCenter su un resoconto dettagliato da parte di un rappresentante dell'Ass. Terra Santa che si è recato ad Aleppo.

Cliccate qui, per leggere l'articolo.

(Fonte: OasisCenter)

By Daniele D'Agostino, Copyright DeUniverso © 2017. 

Roma, 25.01.2017 - Vi segnalo che l'E.U.R. ha avviato per il secondo anno consecutivo il Master di II livello in Diritto ed Economia del Lavoro. Si tratta di un esperimento riuscito di didattica cooperativa tra diversi ambiti disciplinari tra giuslavoritici e economico-aziendali e macroeconomici del lavoro.

Si tratta di un percorso non solo teorico ma anche pratico con diversi laboratori guidati dai docenti.

Potete prenderne visione più dettagliatamente, cliccando qui.

By Daniele D'Agostino, Copyright DeUniverso © 2017.

Roma, 24 gennaio 2017 - Vi avevamo dato già notizia degli eventi organizati per l'edizione 2017 del Brainforum del BrainCircleItalia. 

Al primo di questi eventi, tenutosi il 18 gennaio, sono interventui Antonietta Mira, professore di  Statistica presso l'Universita' degli Studi dell'Insubria (Como) e l'Universita' della Svizzera italiana (Lugano) dove e' stata vice-preside della facolta' di Economia ed e' co-direttore dell'Istituto Interdisciplinare di Scienza dei Dati, che ha contribuito a fondare nel 2014; e Maria Grazia Mattei, giornalista, esperta di nuove tecnologie della comunicazione, fondatrice del centro di ricerca, studio e diffusione della cultura dei nuovi media Mattei Digital Communication e organizzatrice degli incontri Meet the Media Guru, sede di confronto sulla cultura digitale internazionale.

Entrambi i relatori hanno riflettuto sul significato dei "Big Data" ed il ruolo che hanno assunto nella società contemporanea migliorando la qualità della vita quotidiane.

Accando hai benefici vi sono anche preoccupazioni sul piano etico sul'uso che se ne può fare.

Noi produciamo una enorme mole di dati attraverso i cellulari, la ricerca su internet, l'interazione attraverso i social network ed i mezzi digitali (TV interattiva, giochi online...). Ognuno di noi accumula una enorme massa di informazioni su diversi aspetti della quotidianità: con chi parliamo spesso, di cosa parliamo, dove ci rechiamo abitualmente per lavoro, in vacanza e quant'altro possa essere intercettato dalla fitta rete digitale.

Questi dati posso e sono oggetto di studio ed attraverso modelli interpretativi si è capaci di fare delle previsioni sul comportamento dei singoli individui o di gruppi. Questa capacità predittiva può spingere anche all'induzione e/o manipolazione dei comportamenti. Si tratta di nuove forme meno visibili di controllo che, in ultima analisi, possono restringere la libertà individuale cosi come di una collettività. Su questo ed altri aspetti interessanti hanno riflettuto le due relatrici.

Potete prendere visione del primo di questi eventi in programma, cliccando qui.

By Daniele D'Agostino, copyright DeUniverso © 2017.

 

Altri articoli...